Atto notificato via Pec: le pronunce delle Corti tributarie di merito sulla nullità in assenza dei requisiti.

Atto notificato via Pec: è nullo in quanto il formato del file “pdf” non da alcuna garanzia di genuinità del documento, essendo una semplice copia informatica senza alcuna attestazione di conformità all’originale.

Commissione Tributaria Provinciale di Milano, sentenza n. 1638 del 24 febbraio 2017

Diventano sempre più numerose le pronunce dei Giudici Tributari di Merito sulla illegittimità della notifica degli atti e delle cartelle di pagamento con le modalità PEC da parte dell’Agente di riscossione, perché sprovviste dei requisiti che attestino la rispondenza dell’atto al modello informatico previsto dal D. Lgs. n. 82/2005, oltre che mancanti dell’attestazione di conformità all’originale cartaceo.

Commissione Tributaria Provinciale di Savona, sentenze nn. 100 e 101 del 10 febbraio 2017.

Dopo le recenti sentenze della CTP di Lecce (sent. n. 611/2016), di Napoli (sent. n. 1817/2016) e di Savona (sentenze nn. 100 e 101 del 2017), anche i Giudici della Commissione Provinciale di Milano, con la sentenza n. 1638 del 24 febbraio 2017, hanno affermato che: “per quanto alla nullità della cartella perché notificata a mezzo pec, la Commissione ritiene di poter condividere detta eccezione ed osserva che la nullità della cartella di pagamento deriva dal fatto che il messaggio e-mail non contiene l’originale dell’atto inviato, ma solo una copia priva di attestazione di conformità e non offre, quindi, le garanzie tipiche della raccomandata tradizionale”.

Inoltre, “la posta certificata non garantisce la piena prova dell’effettiva consegna del documento al destinatario, mentre con il sistema tradizionale della notifica cartacea, tale circostanza è garantita dal postino, dall’ufficiale giudiziario o dal messo notificatore in quanto pubblico ufficiale e, come tali, capaci di dare fede privilegiata alla propria attestazione di consegna, sia nel caso di relata di notifica, sia nel caso del registro delle consegne delle raccomandate r.r.